Home » Viaggiare » Meeting Guernica al Reina Sofia

Meeting Guernica al Reina Sofia

Una domenica mattina ho scelto di soddisfare uno dei miei sogni artistici…Negli anni diverse volte mi sono ritrovato a studiare e ripetere gli avvenimenti della seconda guerra, analizzando anche la storia dell’arte. In particolare c’è stata un’opera d’arte che mi ha sempre colpito e affascinato, il suo autore è un nome importante dell’arte moderna, in particolare della pittura ma ha anche creato dei buoni lavori scultori. Così quella mattina stavo trascorrendo una delle ultime giornate a Madrid e dal momento in cui avevo saputo di quel viaggio, mi ero promesso di andare al Reina Sofia per ammirare La Guernica di Pablo Picasso.

Museo-Reina-Sofia-Madrid

Il Reina è facilmente raggiungibile in metropolitana con la linea 1 scendendo alla fermata di Atocha, la stazione dell’attentato del 2004 e con la linea 3 alla fermata di Lavapies. Personalmente vi consiglio la linea 1 che si ferma proprio accanto al museo. Il Reina è aperto tutti i giorni tranne il martedì dalle 10.00 alle 21.00 e la domenica fino alle 19.00. Il costo del biglietto è di €6,00 e nei giorni feriali le ultime due ore e la domenica l’accesso è gratuito.
L’accesso introduce all’interno del palazzo Sabatini risalente al diciottesimo secolo, curato e dedicato all’architetto palermitano.

Corridoi del Palazzo Sabatini del Reina SofiaA fare da cornice a questo edificio vi è il giardino interno. All’interno del museo si concentrano opere fotografiche, pittoriche e video dell’arte spagnola e internazionale del diciannovesimo secolo. Al piano terra e al primo non ho trovato opere che mi hanno interessato ma non perché non fossi attratto da quei linguaggi ma perché attendevo di capire dove avrei trovato l’opera che avevo atteso di vedere per molti anni.
Salito al secondo piano, sento uno strano brusio per essere in un museo e anche l’adrenalina inizia a salire; giro l’angolo e mi ritrovo davanti due grandi sale. Nella prima sala conto poche persone mentre la seconda è quella che mi attende, vedo un grosso gruppo di asiatici e a passo lento come se fosse un cammino verso qualcosa di sacro, me lo godo sperando che quei visitatori si spostino più in là.
Metto il piede nella seconda sala e sono letteralmente colto di sorpresa, Guernica è larga circa 8 metri e alta 4. Mi fermo dietro il gruppo che purtroppo non si è mosso di un centimetro. La ammiro in silenzio e mi ripasso ogni rappresentazione dell’opera come quando me la spiegò il professore di storia dell’arte rivivendo i dolori e le paure che Picasso trasmette in questo quadro. Sono curioso e la voglio vedere più da vicino, non so quando mi capiterà di rivederla quindi devo godermi ogni momento. Mentre cerco una posizione migliore e più vicina per notare meglio i dettagli mi accorgo che attorno vi sono tutti i disegni preparatori, le bozze e gli scatti fatti in corso d’opera.

Guernica di Picasso al Reina Sofia di MadridMi soffermo ancora ad ammirare questa grande opera d’arte per circa un quarto d’ora poi devo continuare il museo chiude tra meno di un’ora ed ho ancora un altro piano da visitare.
Emozionato com’ero, mi ricordo pochissimo del resto della collezione. Per mancanza di tempo non sono riuscito a visitare l’ala Nouvel inaugurata nel 2005 e per questa ragione mi sono promesso di ritornare a visitare Madrid.

foto del Museo Reina Sofía

Commenta via Facebook

commenti

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

newsletter

Iscriviti per conoscere le ultime novità in tema di viaggi, marketing e social media

Privacy